21 SETTEMBRE 2021

Tecnologia valutativa a servizio della pallavolo di Serie A. L'esperienza di Vero Volley Monza presso Zucchi Wellness Clinic - Istituti Clinici Zucchi, Monza.

La tecnologia valutativa in ambito sportivo acquisisce un utilizzo sempre maggiore da parte dei professionisti del movimento che lavorano quotidianamente con gli atleti.

Il biofeedback in tempo reale, infatti, permette di testare gli atleti e comprenderne punti di forza e debolezza, con l'obiettivo di costruire la miglior performance in campo o disegnare il percorso più adatto di riatletizzazione e ritorno alla performance.

Ciascuna disciplina sportiva chiama in gioco differenti capacità condizionali e proprietà condizionanti la prestazione.

Parlando di pallavolo a livello agonistico, il modello prestativo di questa disciplina evidenzia l’importanza della valutazione propriocettiva, della forza e della reattività in campo; tutte capacità dell'atleta che necessitano di essere rilevate con dati oggettivi emessi tramite il bio-feedback tecnologico, che la tecnologia TecnoBody è in grado di garantire per supportare professionisti e atleti.

Continua a leggere e approfondisci l'esperienza delle atlete di Serie A del Vero Volley Monza presso la Zucchi Wellness Clinic del Gruppo San Donato.

Il modello prestativo della pallavolo

La pallavolo costituisce una disciplina sportiva di situazione e, dunque, richiede da parte dell'atleta uno sforzo aerobico e anaerobico alternato, con un coinvolgimento alattacido del metabolismo.

Una delle capacità atletiche maggiormente chiamate in gioco nella pallavolo è la forza, con richieste distrettuali discontinue.

Al/alla pallavolista sono richieste:

  • forza elevata;
  • capacità coordinative;
  • capacità organico-muscolari;
  • resistenza;
  • reattività;
  • velocità.


I focus nella preparazione alla pallavolo

Nella preparazione atletica e nel condizionamento dell'atleta di pallavolo, proprio considerando le capacità atletiche richieste al pallavolista, occorre che il professionista si focalizzi su un allenamento che coinvolga i distretti muscolari utili da sollecitare per evitare infortuni, insieme al lavoro specifico di prevenzione specifica e individualizzata.

Le priorità su cui il training dovrebbe focalizzarsi sono:

  • la postura,
  • il potenziamento generale ed in particolare della Core Stability,
  • la mobilità e la coordinazione neuro-motoria.

L'importanza del biofeedback in tempo reale

Lavorare col supporto della tecnologia valutativa con biofeedback in tempo reale significa per il professionista poter individuare in modo oggettivo (Evidence Based) i punti di debolezza su cui focalizzarsi.

Solo così è possibile costruire un percorso di preparazione atletica o riatletizzazione individuale, basato sulle reali e specifiche esigenze di ciascun atleta.

La gamma TecnoBody offre una soluzione olistica per il professionista e per i pallavolisti che desiderano ambire ai migliori risultati, attraverso:

  • analisi della corsa e i Test di Cooper su Walker View,
  • test di forza degli arti inferiori su ISOMOVE,
  • test propriocettivi e stabilometrici su ProKin,
  • una grande varietà di test eseguibili su D-WALL.

I migliori atleti scelgono la nostra tecnologia e ricerca applicata per incrementare le proprie performance; proprio come le atlete del Vero Volley Monza, società che milita nella Serie A di Pallavolo e occupa una posizione di rilievo nel panorama nazionale per questa disciplina sportiva.

L'esperienza delle atlete VERO Volley Monza presso Zucchi Wellness Clinic

VERO Volley Monza ha scelto di affidarsi a Zucchi Wellness Clinic di Monza, struttura all'avanguardia facente parte del Gruppo San Donato, la quale ha sposato i nostri valori e ha arricchito la propria palestra interna, presente nel Centro di Riabilitazione con Medicina Sportiva, con l'inserimento di D-WALL Elite.

In particolare, sotto la supervisione dello staff di professionisti della struttura e dei nostri Clinical Specialist, ecco le atlete d'elite che si sono sottoposte ai moduli di Fitness Test su D-WALL, mettendo alla prova le proprie capacità condizionali in vista della nuova stagione di Serie A:

  • Brankica Mihajlovic,
  • Magdalena Stysiak,
  • Lise Van Hecke.

Le ragazze e il team di preparatori e professionisti impegnato nella costruzione della performance, hanno ottenuto un riscontro esaustivo sulle diverse capacità condizionali che entrano in gioco nell'allenamento e nella partita di pallavolo.

Attraverso D-WALL e i suoi accessori collegati via blutooth, è stato possibile eseguire un'accurata motion analysis e focalizzarsi sugli aspetti propriocetivi, di forza e reattività, ottenendo una fotografia dettagliata e oggettiva che sarà confrontata con i test intermedi durante la stagione e con test di fine campionato.

Proprio la possibilità di confrontare costantemente i test permette di affinare l'allenamento delle atlete, di personalizzarlo sulle specificità di ciascuna e di accompagnarle in campo nelle azioni più performanti.